consigli di lettura - 2

Secondo appuntamento dei consigli di lettura! Questa volta lascio da parte i thriller e vi parlo di: “Le Nemiche”, “Nel silenzio delle nostre parole” e “Il Segreto del Mercante di Zaffiri”.

Ve li propongo secondo la mia personale classifica, in ordine da quello che ho apprezzato di più.

LE NEMICHE ⭐️ VOTO: 8,5

Autore: Carla Maria Russo
Editore: Pickwick (Piemme)
Prima edizione: 2018
Pagine: 353
Listino: € 10,90

Trama: Mantova, Corte dei Gonzaga, 1501. Quando Isabella d’Este scopre che suo padre, il Duca di Ferrara Ercole I, ha scelto come moglie per l’erede al trono Lucrezia Borgia, figlia illegittima di papa Alessandro VI, il suo animo ne resta completamente sconvolto. La «figlia di una tenutaria di bordello», come amava definirla, non può mischiare il suo sangue con quello purissimo e regale degli Este. Accolta con freddezza e disprezzo da tutti, Lucrezia, donna di fascino e di straordinaria bellezza, riesce tuttavia a guadagnarsi i favori di una parte della corte ferrarese, in particolare dei fratelli di Isabella, da subito attratti dalle damigelle che accompagnano Lucrezia. Ma questo successo genera fra Lucrezia e Isabella nuovi e più accaniti contrasti, in un contesto già provato dalle continue lotte per il potere…

Recensione: Si tratta del primo libro che leggo della Russo e ne sono rimasta piacevolmente sorpresa. Sono sempre stata un po’ prevenuta sui libri storici, perché li ho spesso trovati noiosi e poco scorrevoli. Ma non è questo il caso: l’autrice ci permette di girovagare tra la corte mantovana e quella ferrarese, facendoci conoscere i pensieri più intimi delle due protagoniste femminili. Da una parte vediamo Isabella, la donna da cui padre e fratelli corrono per essere consigliati: è abilissima nell’intrecciare relazioni politiche favorevoli alla sua corte, è astuta e calcolatrice, raffinata e collezionista di opere d’arte, che custodisce gelosamente nel suo “studiolo”. Dall’altra parte c’è Lucrezia, manipolata dal padre e dal fratello e usata come merce di scambio. È una donna in ricerca di amore e di libertà; per questo spera che il matrimonio con Alfonso, fratello di Isabella, possa concederle entrambe le cose, svincolandola finalmente dalla pessima reputazione che l’accompagna. Ma la vita di corte, con i suoi eccessi, le feste, gli intrighi e i pettegolezzi, non le sono d’aiuto. La rivalità tra le due donne si accende ancor prima di un incontro di persona, ma in questa lotta continua tra loro diventa sempre più difficile prendere una posizione e distinguere con chiarezza chi delle due sia vittima e chi carnefice.

In definitiva, ne consiglio la lettura: la narrazione è scorrevole e coinvolgente, tutti i personaggi sono tratteggiati con cura, così come il contesto storico in cui sono inseriti. Penso sia un modo originale per conoscere più da vicino la storia di due donne simbolo del Rinascimento, la cui fama le ha rese immortali nel tempo.

NEL SILENZIO DELLE NOSTRE PAROLE
⭐️ VOTO: 8

Nel Silenzio delle nostre ParoleAutore: Simona Sparaco
Editore: DeA Planeta
Prima edizione: 2019
Pagine: 288
Listino: € 18,00

Trama: È mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall’esterno, iniziano a divorare ciò che trovano.
Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c’è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato.

Recensione: Appena ho letto la trama ho ripensato con un brivido all’incendio del grattacielo di Londra avvenuto nel 2017 e a tutte le vite che aveva spezzato. Solo una volta ultimata la lettura ho saputo, come da nota dell’autrice, che effettivamente la storia era ispirata ai fatti di quella sera.

La Sparaco ci presenta una serie di personaggi che tra loro si conoscono appena: non sanno quasi nulla l’uno dell’altro, ma, ignari, condividono lo stesso terribile destino. Si tratta di persone molto diverse tra loro per provenienza, abitudini, lingua e cultura, ognuna con il suo passato e i suoi sogni per il futuro, mescolate insieme nella grande Berlino. In questo intreccio di storie personali emergono tutte le parole non dette, le verità nascoste, le decisioni mai prese, i rimpianti e le paure non affrontate. L’arrivo delle fiamme, prepotenti e letali, porterà le persone coinvolte a conoscere davvero se stesse: Alice sentirà improvvisamente la mancanza di una madre che aveva allontanato da sé, Mathias ritroverà la sua, Polina si sacrificherà per un figlio che pensava di non amare nemmeno, Bastien e Hulya si scopriranno eroi.

Le fiamme bruceranno ogni cosa, ergendo una barriera tra il prima e il dopo incendio. Chi rimane sarà costretto a fare i conti con un dolore inimmaginabile e, al contempo, dovrà trovare la forza di andare avanti per onorare la memoria di chi invece non ce l’ha fatta. Il diario di Alice, a cui la ragazza ha confidato più segreti e intime verità che alla sua stessa famiglia, finirà nelle mani della madre, che avrà una seconda occasione per ritrovare la figlia e se stessa.

IL SEGRETO DEL MERCANTE DI ZAFFIRI
⭐️ VOTO: 7,5

il-segreto-del-mercante-di-zaffiri-recensione

Autore: Dinah Jefferies
Editore: Newton Compton Editori
Prima edizione: 2018
Pagine: 382
Listino: € 9,90
Titolo originaleThe Sapphire Widow

Trama: Ceylon, 1935. Louisa Reeve, figlia di un agiato mercante di gemme, ha tutto quello che una donna potrebbe desiderare. Suo marito Elliot, infatti, è uno spregiudicato quanto affascinante uomo d’affari e insieme formano una coppia perfetta. Per rendere completa la loro felicità mancherebbe solo un bambino, ma Louisa non riesce a dare un erede al marito. Quel figlio che non arriva pian piano per lei diventa un’ossessione e inizia a intromettersi con la sua ingombrante assenza nel rapporto con Elliot, che comincia a trascorrere sempre più tempo nelle profumatissime piantagioni di cannella, con lo sguardo perso nell’immensità dell’Oceano indiano, lontano dalla moglie. Quando la sera del loro anniversario giunge improvvisa la notizia della sua morte, Louisa precipita nell’angoscia. Ripercorrendo le orme del marito, si inoltra in quelle stesse piantagioni dove Elliot passava interminabili ore. Ed è qui che conosce Leo, lo scontroso proprietario dei terreni: un incontro che ha il sapore dell’attrazione. Ma ben presto il profumo della cannella lancia il suo incantesimo e Louisa scoprirà a sue spese che niente è come sembra: un segreto sconvolgente sta per essere rivelato.

Recensione: Il mondo di Louisa Reeve crolla da un giorno all’altro: il suo amato Elliot muore e lei si ritrova a dover affrontare una nuova vita senza di lui. Il dolore della sua perdita si somma a quello di dover scoprire, pian piano, una serie di informazioni che la portano a chiedersi chi fosse realmente il marito. La verità prende forma sotto i suoi occhi, ma all’inizio Louisa cerca disperatamente di non accettarla, rifugiandosi in una serie di giustificazioni che non convincono nemmeno lei. Poi, lentamente, diventa più coraggiosa e inizia ad uscire dall’angolo in cui era stata confinata: se prima le questioni economiche e le attività commerciali non la riguardavano, adesso si trova a dover analizzare documenti, consultare notai e portare avanti da sola il progetto che aveva in mente di attuare col marito. Si tratta di un viaggio introspettivo, di un percorso di crescita personale che la porterà a maturare come donna, tirandole fuori una determinazione e un senso pratico di cui, probabilmente, nemmeno lei era a conoscenza.

La narrazione prende vita nella cornice esotica di uno Sri Lanka degli anni ’30, tra Galle e Colombo, tra profumatissime piantagioni di cannella e gemme preziose, tra vecchie e rassicuranti amicizie e altre, più intriganti, ancora tutte da scoprire…