In questo articolo ti guiderò all’uso di Amazon ADS per KDP

Ciao, sono Laura. Sono una blogger e una scrittrice freelance. A dicembre 2019 ho pubblicato tramite Amazon KDP il mio romanzo Il Segreto della Curatrice, a maggio 2020 il mio racconto Maite.
Dedico la maggior parte del tempo alla scrittura, alla lettura e alla promozione dei miei libri.

Hai scritto un libro e hai scelto la via del self publishing, optando per la piattaforma di Amazon KDP. Scegliere di non affidarsi a una casa editrice significa affrontare da soli la maggior parte delle operazioni legate alla pubblicazione di un romanzo o comunque farsi supportare da altri professionisti che possano aiutarti nella grafica, nell’editing e in tutti gli step che vanno percorsi prima di vedere online la tua opera.

Hai già fatto tutto questo? Perfetto, ora non resta che iniziare a promuovere il tuo romanzo. Sì, perché scrivere e pubblicare sono solo le prime due fasi: senza promozione il tuo libro non si farà conoscere da solo!

Come promuovere il tuo libro pubblicato con Amazon KDP

Il web marketing è uno strumento che mette a disposizione numerosissime strade per farsi pubblicità. In questo articolo non andrò a spiegarti quali canali utilizzare e come utilizzarli, mi limiterò a spiegartene uno in particolare: Amazon Advertising.

Da qualche mese a questa parte, infatti, Amazon ha introdotto anche nel mercato italiano la possibilità di lanciare campagne con Amazon Advertising per promuovere libri e ebook pubblicati attraverso Kindle Direct Publishing.

Una volta avvenuta la pubblicazione è dunque possibile cliccare sul bottone “Promuovi e pubblicizza” accanto all’opera che vorrai sponsorizzare:

A questo punto atterrerai su una pagina dove Amazon ti mostrerà diversi tipi di promozione tra cui scegliere. Noi andremo a selezionare “campagna pubblicitaria“. Di default verrà creata la campagna per Sponsored Product, dato che la Lockscreen Ads, ahimè, per ora non è disponibile per Amazon.it.

Dopo questi primi passaggi, siamo pronti per iniziare.

Crea campagna

1 La prima cosa che andremo a fare è dare un nome alla campagna. Il mio consiglio è di inserire il titolo del romanzo, così, se hai più di una campagna attiva per più romanzi, sarà più semplice e immediato distinguerle tra loro.

2 Successivamente ti verrà chiesto di inserire una data di inizio e una data di fine. Io personalmente inserisco solo la data in cui voglio farla partire: Amazon consente infatti di disattivare e riattivare le campagne in qualsiasi momento.

3 Arriva ora il momento di impostare il budget giornaliero: quanto sei disposto a spendere ogni giorno per la tua campagna? Posso garantirti che non è necessario investire grandi cifre: con meno di 5 euro al giorno si possono ottenere degli ottimi risultati. Ad ogni modo, anche il budget può essere cambiato mentre la campagna è in corso. Se il budget giornaliero dovesse esaurirsi prima del tempo, Amazon smetterà di mostrare il tuo annuncio fino alla mezzanotte… A meno che non lo aumenti!

4 Ora dovrai scegliere tra il targeting automatico e il targeting manuale. Nel primo caso Amazon selezionerà il target sulla base dei meta dati relativi al tuo prodotto, nel secondo caso sarai tu a decidere parole chiave e prodotti correlati al tuo libro. A questo punto ti consiglio di scegliere il targeting manuale: quello automatico è nella maggior parte dei casi infruttuoso, dal momento in cui (soprattutto nel caso del targeting per parole chiave) Amazon potrebbe generare delle keyword non conformi al tuo libro e farti così spendere inutilmente il tuo budget.

Strategia di offerta della campagna

Offerta dinamica: solo al ribasso –> Amazon abbassa la tua offerta quando le probabilità che il tuo annuncio generi una conversione sono scarse.

Offerta dinamica: al rialzo e al ribasso –> Amazon aumenta e riduce le tue offerte a seconda della probabilità che il tuo annuncio si trasformi in vendita.

Offerta fissa –> viene utilizzata l’offerta esatta da te impostata e le eventuali modifiche manuali apportate da te.

Questo passaggio è molto importante e la tua scelta dovrà essere coerente con la strategia che hai in mente. Finora per le mie campagne ho sempre optato per l’offerta dinamica al rialzo e al ribasso, ma è consigliabile utilizzarla se si ha già dimestichezza con questo strumento e si è ha già avuto prova che il libro vende bene. In alternativa è meglio procedere con l’offerta solo al ribasso: è la via più “sicura” per non rischiare di andare oltre il budget giornaliero impostato in precedenza.

A questo punto potrai scegliere anche di modificare le offerte in base al placement fino al 900%. Ricorda che il tuo annuncio potrebbe apparire in qualsiasi parte della pagina, ma l’obiettivo è chiaramente quello di farlo posizionare in alto: più utenti lo vedranno e maggiore sarà il CTR (click-through rate).

A questo proposito il mio consiglio è di non lasciare vuoto lo spazio riservato ai prodotti più ricercati (prima pagina), ma inserire una percentuale (anche il 10% andrà bene).

Ora non resta che dare conferma del romanzo che vuoi sponsorizzare. Solitamente, giunta a questo punto, vado ad aggiungere anche la versione cartacea (o eBook, a seconda). Anche se l’utente può benissimo vedere da solo che esistono entrambe le versioni, nel caso della campagna di targeting per prodotto noterai che esistono categorie diverse a seconda della versione, perciò perché non puntare a entrambe?

Ora siamo pronti per la fase successiva: la scelta del targeting. Continua a seguirmi per la seconda parte di questa mini-guida!

Anna Bolena, la moglie di Enrico VIII che cambiò la storia dell’Inghilterra


Anna Bolena è un personaggio storico che affascina da sempre l’immaginario di cinema e letteratura. Generalmente sono due i modi con i quali viene rappresentata: come vittima della sete di potere del suo consorte Enrico VIII, oppure come la strega che gli avrebbe fatto un sortilegio. Considerato che Anna ha subito la damnatio memoriae, ovvero […]

La donna senza nome


Arriva l’atteso seguito de “Il segreto della curatrice” Era il Dicembre del 2019 quando pubblicavo su Amazon “Il segreto della curatrice“. Non mi aspettavo nulla, ma al contempo ci credevo tantissimo: era il mio sogno, un sogno che finalmente stava diventando realtà. Fin da quando ero bambina, ho sempre scritto per me stessa, narrando quelle […]

Essere donna in età vittoriana: sport e istruzione


Come saprete, l’epoca vittoriana fa da sfondo al mio ultimo libro “L’eredità di Christine“. Con età vittoriana ci si riferisce al periodo storico inglese che va dal 1837 al 1901, anni di riforme e cambiamenti ma anche di grandi contraddizioni. La donna vittoriana era priva di molti dei diritti di cui oggi godiamo e conduceva […]